Arrestati gli ultimi componenti della banda che rapinò la Banca di Sondrio a Solbiate Olona

0
814
Un arresto da parte della Polizia (foto di repertorio. Proprietá Polizia di Stato)
VARESE, 14 luglio 2023-La Polizia di Stato di Varese ha tratto in arresto due persone destinatari di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Busto Arsizio su conforme richiesta della Procura di Busto Arsizio, gravemente indiziati di essere gli autori, unitamente ad altri tre soggetti già arrestati lo scorso 19 gennaio, della rapina perpetrata presso la filiale della Banca Popolare di Sondrio di Solbiate Olona il 21 gennaio del 2021, a seguito della quale gli stessi sono riusciti ad impossessarsi di 24.000 in contanti.
L’indagine, condotta dalla Squadra Mobile di Varese, a seguito di minuziosi accertamenti, ha consentito di identificare come presunti responsabili un uomo ed una donna residenti nel territorio della provincia di Milano, entrambi gravati da pregiudizi di polizia e tre uomini residenti nel territorio della provincia di Palermo, tutti gravati da numerosi pregiudizi di polizia per reati specifici.
I rapinatori hanno comunicato tra loro mediante l’uso di apparati radio portatili, armati di una pistola ed un taglierino, quest’ultimo utilizzato da uno dei rapinatori per ferire ad un braccio il direttore. All’interno della banca erano inoltre presenti alcuni clienti che, sotto la minaccia delle armi, sono stati trattenuti nello stabile seduti a terra, per tutta la durata dell’azione criminosa, ossia per circa mezz’ora. Successivamente i malfattori si sono dati alla fuga.
Le immediate indagini attivate dal personale della Squadra Mobile di Varese, condotte a partire dall’escussione dei testimoni e dalla visione dei filmati di videosorveglianza acquisiti presso l’istituto di credito e gli esercizi commerciali presenti nelle adiacenze, hanno consentito di comprendere che l’azione criminosa era stata pianificata con cura, a seguito di sopralluoghi, l’ultimo dei quali effettuato qualche giorno prima della rapina dall’uomo e dalla donna dimoranti in provincia di Milano, che poi al momento della consumazione dell’evento criminoso erano altrove.
La successiva e complessa attività investigativa ha permesso primariamente di identificare i dapprima due uomini intenti in sopralluoghi preliminari  risdalendo successivamente ai tre uomini autori materiali della rapina aggravata.
Gli arrestati sono sospettati pure di avere commesso altre rapine in varie località del centro-nord Italia, su cui sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi.