Violenza-Sconto Zero: campagna di sensibilizzazione nei negozi varesini

0
750

VARESE, 10 ottobre 2023-Visto l’increscioso numero sempre in aumento nel nostro paese, che vede le donne vittime di violenze, il direttivo Conflavoro PMI Varese, ha deciso di scendere in campo con una campagna di sensibilizzazione: VIOLENZA – SCONTO ZERO!

Partner dell’iniziativa la Fondazione Felicita Morandi, attiva sul territorio e costituita nel 2005 per volontà della Provincia di Varese e del privato sociale, a totale sostegno delle donne vittime di violenza nell’emergenza di oggi, e nella riprogettazione del loro futuro di domani. Coinvolti nell’iniziativa gli esercenti locali che, esponendo nel proprio esercizio la locandina inerente alla campagna, si faranno da promotori di questa iniziativa. L’ immagine della campagna ritrae ora un personaggio femminile, ora un personaggio maschile, entrambi a comunicare il medesimo messaggio: IN QUESTO ESERCIZIO NON SI FANNO SCONTI. QUI LA VIOLENZA NON ENTRA.

 “Abbiamo individuato nel 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza alle donne, il giorno in cui ritrovarci, e fare il punto sull’esito dell’iniziativa, non dunque una data di fine, ma un momento da cui ripartire; la volontà di Conflavoro Varese è infatti quella di proseguire nella sensibilizzazione, con più ampio respiro, oltre alla provincia di Varese.  Affinché questa piaga possa essere debellata, dobbiamo impegnarci tutti, a partire anche dal nostro territorio” queste le parole del Presidente di Conflavoro Varese  Giuseppe Ligotti.

Di forte impatto emotivo e catalizzante per gli ospiti, l’intervento della Presidente della Fondazione Felicita Morandi: Giovanna Scienza. “Le nostre attività hanno lo scopo di contrastare i fenomeni di violenza sulle donne,  sostenere coloro che sono state vittime di violenze, e i minori coinvolti nelle situazioni di maltrattamento. Per fare questo è nato il Progetto DEA, ideato con l’obiettivo di offrire un sostegno concreto alle donne vittime di violenza, nella ricerca di un lavoro e di una casa, affinché possano riconquistare la propria autonomia e indipendenza economica.”

Ecco dunque il giusto binomio: da una parte la fondazione con le sue donne che possono e vogliono ricominciare a vivere riprogettando il loro futuro, grazie ad un nuovo lavoro, mediante tirocini formativi; dall’altra l’associazione datoriale con le sue PMI e la possibilità di nuovi impieghi.

 “Conflavoro sposa in pieno il modello innovativo di accompagnamento all’autonomia del progetto Dea della Fondazione, capace di sviluppare l’empowerment femminile e l’indipendenza economica”; questo l’inciso di Ligotti col quale ha annunciato sin da subito la disponibilità all’inserimento di una di queste signore, all’interno dell’organico del personale della sede di Conflavoro Varese.  Conflavoro devolverà inoltre alla Fondazione il 50 % delle quote dei nuovi iscritti alla Confederazione Nazionale Piccole e Medie Imprese.

 L’incontro ha avuto luogo nella bellissima location del ristorante “AL VECCHIO CONVENTO “