1

Sisters of Mercy in concerto all’Alcatraz di Milano e Roma

VARESE, 20 aprile 2022-Le attesissime date italiane dei Sisters of Mercy, dopo svariati rinvii a causa della pandemia di Covid-19, sono finalmente in vista: la formazione sarà all’Alcatraz di Milano martedì 26 aprile e all’Orion Club di Ciampino il giorno successivo. I biglietti sono disponibili su Ticketone (entrambe le date), Ticketmaster e Vivaticket (solo Milano) e in cassa la sera del concerto.
 
biglietti emessi per le date precedenti sono validi per l’accesso al concerto nella medesima città.
 
The Sisters Of Mercy si formano nel 1980 a Leeds, Inghilterra, prendendo il nome dalle Sisters of Mercy (sorelle della misericordia), ovvero le prostitute nell’omonima canzone di Leonard Cohen“Ci piaceva l’ambiguità tra il significato originario dell’espressione, che si riferiva a un ordine di suore, e quello adottato da Cohen” spiega il cantante Andrew Eldritch. Già dal nome è chiara l’anima inquietante della loro musica, che costituisce una pagina fondamentale del dark-rock post-punk. Difatti, fin dai primi anni di carriera il gruppo si consacra nell’olimpo dark insieme a band come Siouxsie and The BansheesThe CureBauhaus e Joy Division. La voce da sciamano delle tenebre di Eldritch rimane, insieme a quelle di Peter Murphy e Siouxsie Sioux, tra le più emozionanti di tutto il genere gotico.
 
Ad aprire il concerto saranno gli Hugs of the Sky, formazione che nasce dalla fusione di due band belghe in occasione della registrazione di uno split album durante l’estate del 2018, e da allora ha pubblicato tre lavori in studio, il più recente dei quali è Virtual Lullaby Circus. La band sa sempre come sorprendere il suo pubblico, con rielaborazioni di vecchio materiale e scambi di strumenti tra i componenti.
THE SISTERS OF MERCY
Support: HUGS OF THE SKY
 
Martedì 26 Aprile 2022
Milano, Alcatraz – via Valtellina, 25
Apertura porte h. 19:30 / Hugs of the Sky h. 20:45 / The Sisters of Mercy h. 21:45
Posto unico in piedi:  30,00 + prev. /  35,00 in cassa la sera del concerto
Biglietti disponibili su TicketoneTicketmaster e Vivaticket.
 
Mercoledì 27 Aprile 2022
Ciampino (RM), Orion Club – via J. F. Kennedy, 52
Apertura porte h. 20:00 / Hugs of the Sky h. 21:30 / The Sisters of Mercy h. 22:30
Posto unico in piedi: € 30,00 + prev. / € 35,00 in cassa la sera del concerto
Biglietti disponibili su Ticketone.
 



Roma. Per la prima volta dall’inizio del conflitto musicisti ucraini e russi hanno suonato insieme

ROMA, 18 aprile 2022-La grande attesa per l’evento di punta del Festival di Pasqua di Roma, quest’anno alla sua XXV edizione, non è stata smentita: per la prima volta dall’inizio della guerra in Ucraina musicisti russi ed ucraini hanno suonato insieme per uno straordinario messaggio di pace, dopo la Via Crucis del Papa al Colosseo che ha voluto che la croce fosse portata insieme da due donne, una ucraina ed una russa. E’ accaduto nella monumentale Basilica di Sant’Andrea della Valle, dove il maestro Enrico Castiglione, fondatore e gran patron della prestigiosa manifestazione di musica sacra nata nel 1998, ha fortemente voluto, per il tradizionale “Concerto di Pasqua” a Roma, due cantanti d’eccezione: il soprano ucraino Eva Dorofeeva e il mezzosoprano russo Liudmilla Chepurnaia, che sono state accompagnate da un’orchestra appositamente formata da musicisti ucraini e russi sotto la direzione di Stefano Sovrani. Durante il Concerto, acclamatissimo da una folla oceanica che ha riempito la Basilica fin dal pomeriggio, si è esibita anche il giovanissimo soprano Kateryna Chebotova, al suo debutto assoluto, appena ventenne, che si è potuta ricongiungere alla madre appena scappata proprio nei giorni scorsi dall’Ucraina.

Il Festival di Pasqua è stata così la prima manifestazione al mondo a far cantare e suonare insieme musicisti ucraini e russi “a Roma, capitale del Cristianesimo, per gridare con la forza della musica – come ha ribadito in apertura del concerto lo stesso Enrico Castiglione – che si può e si deve essere tutti fratelli, tutti amici e non nemici, all’insegna della preghiera che è la musica stessa e della bellezza armoniosa del suo canto di pace, proprio attraverso la straordinaria musica che grandi compositori d’ogni epoca hanno scritto per testimoniare il divino e il sacro”.

“Io sono nata in Unione Sovietica, nella città di Krivoi Rog, che adesso appartiene al territorio ucraino – ha ricordato Liudmilla Chepurnaia appena prima dell’inizio del concerto – Alcuni miei parenti erano ucraini, poi quando avevo 4 anni ci siamo trasferiti in citta di Astrakhan (Russia) dove sono cresciuta. Vivo da 12 anni in Italia e sono anche cittadina italiana. Questo concerto rappresenta quindi qualcosa di speciale e altamente simbolico per me: musicisti ucraini e russi suoneranno e canteranno insieme a Roma. E sarà estremamente emozionante per me, che in un certo senso racchiudo diverse ‘anime’: sono un’italo-russa ortodossa nata in Ucraina che canta nella città culla della cultura cattolica. Al di fuori di ogni retorica proveremo a rivolgere preghiere e canti a chi vorrà ascoltarci, consapevoli che il mondo (spesso) non ascolta e gli eventi fanno il loro corso tragico. Ma chi, come me, prova ad occuparsi di arte, cerca di farlo aldilà delle bandiere, preoccupandosi non della casacca di appartenenza ma del singolo, cercando di intercettare il suo orizzonte e provare ad accoglierlo.

INTERVISTE ALLE TRE CANTANTI

Il maestro Enrico Castiglione ne è perfettamente consapevole e la sua iniziativa è assolutamente lodevole e lungimirante. Ovviamente sono estremamente onorata di partecipare a un festival in cui si sono esibiti artisti unici, come Josè Carreras e Montserrat Caballé, che ebbi la fortuna di conoscerla diversi anni fa a Saragozza.”

“Cantare al Festival di Pasqua per me è un grande onore e soprattutto una grande responsabilità – ha dichiarato Eva Dorifeeva – Esibirmi in questa grande cornice dove nelle edizioni precedenti hanno cantato star della lirica internazionale  è  motivo di orgoglio per me e per il mio popolo che da diverse settimane  sta combattendo con tutta la forza per la pace e la libertà di tutto il mondo. Non sono un soldato ma attraverso la mia voce vorrei lanciare un messaggio a tutti i popoli affinché sulla terra regni pace, gioia e serenità. Spero che il mio pensiero sia condiviso da tutti ed esibirmi insieme ad altri musicisti ucraini e russi lascia intendere che questa guerra non è voluta da tutti ma da poche persone, sempre più assetate di potere per la gloria. Ringrazio il M. Enrico Castiglione e il M. Stefano Sovrani che mi hanno concesso questa bella ed importante possibilità. Voglio dedicare questo concerto a tutte le persone ucraine che stanno soffrendo in questo momento con l’augurio pasquale che quanto prima possano ritrovare la loro pace e felicità.”

Il “Concerto di Pasqua” rappresenta da 25 anni a Roma l’evento di punta del Festival di Pasqua, in corso nelle chiese e basiliche di Roma con grandissima partecipazione di pubblico fin dal Concerto inaugurale dello scorso 10 Aprile al Pantheon. In programma, in oltre un’ora e mezza, un vasto repertorio di musica sacra con brani e arie da Johann Sebastian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart, Arcangelo Corelli, Alessandro Stradella, Georges Bizet, Jules Massenet, Pietro Mascagni, César Franck e il “Panis Angelicus” dalla Messa Solenne di César Franck, in occasione del suo 200° anniversario della nascita, che ha visto le tre cantanti esibirsi insieme nel gran finale, per quello che a tutti gli effetti è stato un “Concerto per la Pace” dal forte impatto emotivo.

Quest’anno il Festival di Pasqua, che è tornato finalmente ad offrire a Roma la sua tradizionale programmazione concertistica di Musica Sacra durante la Settimana Santa della Pasqua, si concluderà il 5 giugno con il “Concerto di Pentecoste”: in programma, sempre nella Basilica di Sant’Andrea della Valle, la celeberrima Messa Solenne  di César Franck con la Schola Cantorum del Festival di Pasqua, il Coro Quadriclavio di Bologna, il Coro della Cappella Giulia e l’Orchestra del Festival di Pasqua, diretti dal maestro Lorenzo Bizzarri.




I simple Mint, duo punk milanese, pubblicano la cover di ‘Locked away’

VARESE, 15 aprile 2022-Locked away, brano del 2015 di R. City featuring Adam Levine (leader storico dei Maroon 5), viene reinterpretato in una accattivante veste pop punk dal duo milanese Simple Mint, che ha già all’attivo vari singoli (Cozy, feat Auora Osmani e prodotto presso il Relik Studio di Gallarate, Sorry but you burned us down, firmato Pan Music Production) e un album (Feelings, prodotto in collaborazione con Eifa Studios).

Il testo di questo “evergreen” degli anni duemila parla di passione, di amore vero, di emarginazione (tema ancora oggi quanto mai attuale).

Questi aspetti sono ripresi dalle grafiche e dalle fotografie che hanno invaso le pagine social del duo in questo periodo (complici i magnifici scatti del fotografo e videomaker Samuele Battistella). Ma veniamo all’aspetto della produzione sonora.

Il groove di batteria è coinvolgente, le chitarre sono solide e “cattive”, al centro del mix, la voce ha un filo di distorsione che la rende vintage e rock, come ai vecchi tempi. Si avverte il calore del mastering di Fabrizio Pan e le chicche inserite dal duo per modificare il pezzo originale (un special corale che fa quasi Ramones, cori melodici che si interlacciano alla melodia principale, un solo di chitarra energico al punto giusto) sono la ciliegina sulla torta. 

A distanza di pochi giorni i Simple Mint hanno anche rilasciato in via ufficiale il videoclip con il testo del brano. In questo lyric video i colori sono (come sempre) accesi (questo è sicuramente un marchio estetico del duo), i cambi grafici e stilistici si susseguono rapidi e coinvolgenti e le parole ti balzano all’occhio e ti entrano in testa. Sicuramente una scelta indovinata per accompagnare il sound di questa particolarissima cover. 

Sicuramente da ascoltare e da aggiungere alla propria playlist Spotify e YouTube.




‘Vanilla’ il nuovo singolo di Lilith Primavera fata tra “le fate ignoranti” di Ferzan Ozpetek

VARESE, 13 aprile 2022-VANILLA è il nuovo singolo firmato Lilith Primavera, una poesia elettro pop prodotta da Giovanni La Tosa, e con il video di speedart di ONZE, uno tra i più apprezzati illustratori di copertine di libri per Feltrinelli, Mondadori e dell’intera collana Contromano di Laterza, nonchè di riviste (Vanity, Rockstar, Corriere della Sera, Venerdì di Repubblica) e di molte campagne pubblicitarie nazionali.

Nel 2022 Lilith Primavera è Vera, fata tra “Le Fate Ignoranti”, la serie tv di Ferzan Ozpetek in uscita il 13 aprile per Disney+.

Lilith è attrice e cantante. Lilith Primavera appare per la prima volta sul grande schermo nel 2017 in “Mamma+Mamma” opera prima di Karole Di Tommaso, dove è chiamata ad interpretare la sua parte appunto poetica.

Performer, conduttrice e autrice radio e podcast, attrice la troviamo quello stesso anno sul red carpet della Festa del Cinema di Roma tra le protagoniste di “Linfa”, film documentario sulla scena artistica musicale romana, di Carlotta Cerquetti, di Lilith è protagonista da tempo.

Negli anni molte le chiamate per camei in produzioni cinematografiche, dal docufilm “Io sono Sofia” di Silvia Luzi ad “Anima Bella” di Dario Albertini e i vari i singoli musicali usciti su tutte le piattaforme cui si aggiungerà ora VANILLA, (La Grande Onda / Altafonte).




Reunion dei 24 Grana con una serie di concerti sold out

VARESE, 12 aprile 2022-Dopo il sold out del concerto al TPO di Bologna dello scorso 9 aprile, anche Napoli annuncia il sold out della data del 15 aprille alla Casa della Musica in questo minitour di presentazione di “A Raccolta”, il disco antologico che celebra la reunion dei 24 GRANA, a 25 anni dal loro esordio discografico.

L’album, stampato solo in formato Vinile Limited Edition (oltre alla presenza sulle principali piattaforme streaming), contiene undici brani originali rimasterizzati, nei quali si legge la storia di una delle band più importanti della scena napoletana degli ultimi venti anni, più la Title Track “A Raccolta”, la prima canzone incisa dal gruppo dopo una lunga pausa, con l’importante featuring di Clementino.

Sul palco per i concerti la formazione storica: Francesco Di Bella (voce e chitarra), Renato Minale (batteria), Armando Cotugno (basso e voce), Peppe Fontanella (chitarra), al loro fianco un quinto elemento, Gino Giovannelli (tastiere).

LA BAND RACCONTA LA REUNION

 I 24 grana fanno parte di noi, sono stati una parte fondamentale della nostra vita artistica e personale.

Dopo diversi anni di stop, ci siamo resi conto che, nelle nostre vite senza band, c’era un vuoto che andava colmato. Un vuoto umano e creativo. Così, abbiamo deciso di vederci in sala prove, noi quattro membri originari, per il puro piacere di fare una suonata tra vecchi amici. Il sound della band si è subito ricomposto e ci siamo trovati a scrivere ed arrangiare un nuovo brano. Nell’autunno 2019, abbiamo raggiunto il nostro bassista Armando, che vive a Londra, per registrarlo agli Abbey Road Studios.

Tutto questo ci ha trasmesso una grande energia, e quindi abbiamo deciso che l’uscita dell’album doveva coincidere anche con un tour in primavera.

Vogliamo incontrare tutti quelli che continuano a seguirci e a cui siamo mancati, ma anche ai più giovani che ci ascoltano e che non hanno avuto la possibilità di ascoltarci dal vivo in passato. Ci sembra il momento giusto per una chiamata A Raccolta. Non sappiamo dove questo ci porterà, ma siamo felici di risalire insieme sul palco.

Formazione 24 Grana:

FRANCESCO DI BELLA: voce, chitarra, synth

GIUSEPPE FONTANELLA: chitarre

ARMANDO COTUGNO: basso

RENATO MINALE: batteria e percussioni.

DATE

04/04 PERUGIA @ URBAN CLUB

05/04 MILANO @ MAGAZZINI GENERALI

09/04 BOLOGNA @ TPO – SOLD OUT

13/04 ROMA @ LARGO VENUE

15/04 NAPOLI @ CASA DELLA MUSICA – SOLD OUT

 




Torna Milano Rock sabato 10 settembre all’Ippodromo San Siro

MILANO, 11 aprile 2021-Torna finalmente uno tra i festival più attesi e cool d’Italia: il MILANO ROCKS 2022. Dopo aver annunciato l’unica data di Liberato, il festival di Milano ospiterà sabato 10 settembre 2022, durante la sua seconda giornata, il dj e producer internazionale Martin Garrix, l’artista di riferimento della scena urban Ghali, mentre sarà compito del dj Justin Mylo e del trio di producer Room9 aprire il grande party all’Ippodromo Snai San Siro di Milano.

 




Gianluca Grignani torna con un nuovo singolo e tour

VARESE, 9 aprile 2022-Gianluca Grignani, dopo l’enorme successo scaturito dalla sua partecipazione, in qualità di ospite, alla scorsa edizione del Festival di Sanremo, annuncia oggi, nel giorno del suo 50° compleanno, l’uscita delquinto singolo. In rotazione da venerdì 22 aprile 2022 dal titolo ALong Goodbye (Falco a metà/Sony Music Italia) che entrerà a far parte delle trilogia /compset Verde Smeraldo.

Dopo il grande riscontro ottenuto dai quattro singoli precedenti: Tu che ne sai di meDimmi cos’haiNon dirò il tuo nomeI bei momenti, il cantautore, nel pieno della sua fervida creatività, torna con un nuovo lavoro, frutto di una lunga gestazione, a cui l’artista si è dedicato minuziosamente curandone ogni dettaglio.

A Long Goodbye è «una ballata rock che, è stata lavorata con attenzione, precisione, con spunti blues che sono in grado di traghettare il mio rock – dichiara l’artista – in maniera molto feroce e veloce su un piano differente rispetto alle mie ballate precedenti; scritta in quindici minuti di sofferenza capitalizzati al massimo».

L’artista racconta in questo brano l’esperienza personale ed emotiva legata alla separazione.

Il singolo, come da giudizio dello stesso autore è: « un tentativo di come si possa fare del sano, anzi dell’insano rock & blues e di come “insanamente” si possano unire questi due generi uscendo dallo stereotipo italiano ma, rimanendo ugualmente mediterranei».

Per arrivare a questo brano, Gianluca Grignani, si adopera per molti anni in una ricerca sonora minuziosa, lavorando con le persone che più gli piacciono. La strofa in inglese è volutamente lasciata così: « perché – è lo stesso Grignani a rivelarlo – mi è stato suggerito da persone a me vicine, capaci a differenza mia di giudicare quando una è più funzionale. Io, a volte, non sono capace di giudicare».

Sul piano musicale Grignani ha intrapreso un percorso di ricerca durato più di cinque anni, nell’individuare cosa fosse giusto produrre musicalmente. È andato a riprendere suoni di La fabbrica di plastica, mescolandoli al blues e al rock, scegliendo la contaminazione musicale perfetta per esprimere stati d’animo.

«La libertà ora mi sta parlando. Le tue ragioni hann sempre meno senso. Guarda che è chiaro anche a me siamo un a long goodbye…», da questa strofa è lo stesso Gianluca Grignani a porsi e porre una domanda al suo pubblico: « è capitato anche a te? Questa canzone è dedicata a tutti quelli che…».

Grignani rimane l’artista per eccellenza capace di trasmettere grinta, determinazione, con potenza e coraggio.

Gianluca Grignani quest’estate sarà impegnato insieme alla sua band in un tour elettrico “LIVING ROCK AND ROLL TOUR 2022” che, lo vedrà protagonista in molte note località italiane.

Possiamo al momento anticiparvi tre date:

07/07/2022 Asti Astimusica – comune.asti.it

13/07/2022 Roma Rock In Roma rockinroma.com

12/08/2022 Viareggio Viareggio Beach Festival




Monterock Festival: a giugno due giorni di musica rock a Monteveccchia

MONTEVECCHIA (LC), 7 APRILE 2022-Appuntamento il 25 e il 26 giugno in via del Fontanile a Montevecchia (LC) con la terza edizione di Monterock Festival, realizzata in collaborazione con l’etichetta discografica Petricore.

 Un palco di 60 metri quadri per condividere insieme la passione per la musica e 4 talk per discutere di diritti umani, tema scelto per questa edizione. L’ente organizzatore di quest’anno è infatti Lei A.p.s., Associazione di Promozione Sociale, che quotidianamente si batte per l’inclusione e la tutela dei diritti di tutte le minoranze, rappresentando un reale punto di riferimento per tutti coloro che desiderano perseguire la massima realizzazione delle proprie potenzialità, nella profonda coscienza e conoscenza del sé.

Il festival ospiterà anche un centro sportivo in cui sarà possibile mettersi alla prova su diverse discipline e vari spazi pensati per portare in scena la propria arte nel bel mezzo di un anfiteatro naturale.

Monte Rock, nato nel 2018 da un progetto della Consulta Giovani di Montevecchia (LC), si propone di infatti di dare vita a una realtà polivalente che possa offrire spazio e risorse a tutti i giovani che vogliano mettere alla prova le proprie competenze, dar sfogo alla creatività e formare il proprio spirito critico in uno scambio di opinioni vivace e intelligente su temi come sostenibilità, disabilità, violenza di genere, comunicazione e comunità LGBTQ.

 Ad arricchire il programma del festival, anche un contest per artisti emergenti. Per iscriversi è sufficiente versare la quota di iscrizione di 20€ e compilare il form al link sui canali social del Festival, inviando un minuto di esibizione live e un link Soundcloud a tre brani inediti. Le iscrizioni al contest apriranno lunedì 11 aprile.

La prima fase eliminatoria si terrà online: le esibizioni dei concorrenti verranno caricate sulle pagine Instagram di Monte Rock e Petricore e coloro che riceveranno maggiori like e commenti passeranno alla seconda fase eliminatoria.

La valutazione dei 3 brani inediti inviati permetterà alla giuria di selezionare le 15 band a cui sarà dedicato un nuovo post sulle pagine ufficiali. Ai voti ricevuti tramite like e commenti si sommeranno quelli dei 3 sponsor, per determinare le 8 band che si esibiranno live sul palco del festival.

I 5 giurati determineranno la classifica finale, in base a cui verranno assegnati i premi:

Primo premio: produzione e distribuzione di un singolo in collaborazione con Petricore.

Secondo premio: 50% di sconto per una produzione ai Phaser Studios.

Terzo premio: redazione e lancio di un comunicato stampa del singolo da parte di Good Guys e 50% di sconto sugli altri servizi dell’agenzia.




Bandabardò e Cisco insieme per nuovo disco e tour

VARESE, 6 aprile 2022-Un nuovo tassello, che nasce da una naturale e lontana esigenza di voler dare vita a una collaborazione tra una delle band più longeve del panorama musicale italiano, con oltre 1500 concerti e più di 25 anni di attività, e la storica voce dei Modena City Ramblers.

““Non fa paura” tiene insieme tutto: la musica suonata sui dischi e sui palchi; la bellezza di tornare dopo due anni di stop quasi forzato del nostro settore a fare quello che amiamo; la fortuna di poterlo fare all’interno di un meraviglioso progetto che ha a che fare con qualcosa che è – proprio come la musica – molto preziosa, l’amicizia”.
Cisco

Già annunciata la pubblicazione del nuovo album “Non fa paura”, in uscita il 20 maggio. Le strade di Bandabardò e Cisco si uniscono anche all’insegna del ritorno sui principali palchi italiani, con un tour che li vedrà esibirsi insieme per tutta l’estate.

“Non vediamo l’ora di recuperare quella dimensione di partecipazione collettiva al live che in questi anni di pandemia è mancata a tutti e che è invece sempre stata la nostra cifra. “Insieme” è una parola che oggi assume un significato se possibile ancora più prezioso e importante, ed è bello che il primo progetto con il quale torniamo al nostro pubblico sia un progetto condiviso con un amico di sempre, Cisco. Ripartire dalle emozioni ci sembra il modo migliore di ricominciare”.
Bandabardò

Di seguito i primi appuntamenti confermati del “Non fa paura tour (il calendario è in aggiornamento):

1° giugno, Livorno – Straborgo
22 giugno, Bologna – BOtanique
7 luglio, Prato – Anfiteatro S. Lucia
9 luglio, Bergamo – NXT Station
12 luglio, Roma Cavea Auditorium Parco della Musica – Roma Summer Festival
23 luglio, Veroli (FR) – Tarantelliri
24 luglio, Manciano (GR) – Manciano Street Festival
8 agosto, Castrignano de’ Greci (LE) – Kascignana Music Fest
1° settembre, Sesto San Giovanni (MI) – Carroponte
1° ottobre, Riola Sardo (OR) – Parco dei Suoni

Non fa paura”, l’album di Bandabardò e Cisco sarà composto da 10 tracce: tra inediti, rivisitazioni e cover. Prodotto da Cisco e Bandabardò per OTR Live e distribuito da BTF, il disco è in uscita il 20 maggio.




SugarSugar in concerto al Circolo Gagarin di Busto Arsizio

BUSTO ARSIZIO, 6 aprile 2022-Venerdì 8 Aprile al Circolo Gagarin di Busto Arsizio torna la musica d’oltre-oceano. Questa volta è il turno degli SugarSugar, progetto nato dalla mente del chitarrista e compositore Tristan Chase, a Brooklyn, New York. Dopo un primo – acclamatissimo – tour in Italia nel 2019, la band torna nel bel paese ad Aprile 2022 in occasione del nuovo materiale in uscita, che verrà presentato in uno speciale ed intimo set-up in duo.

I brani di Chase colpiscono sia per la loro perfetta fusione tra soul, r’n’b e jazz sia per il taglio cool ed estremamente raffinato. Chase, insieme a Andrew Ybanez (tastiere), Alwyn Robinson (batteria) ed il contrabbassista Gabe Otero, dopo alcuni live nella grande mela, vengono selezionati per Sofar Sounds New York City. La loro esibizione, arricchita dall’inedito “Deja Vù”, colpisce per la sua intensa esecuzione e Il video pubblicato su YouTube conta ad oggi quasi 800.000 views.
Nonostante un’intensa e costante attività live gli SugarSugar pubblicano successivamente “Fickle Mauve”, il loro album d’esordio, ottenendo ottimi riscontri dalla critica.

L’appuntamento per il concerto degli SugarSugar al Circolo Gagarin è per Venerdì 8 aprile – Ingresso a sottoscrizione 5€, riservato socie e soci Arci – senza necessità di prenotazione.

Il Circolo Gagarin – Via Galvani 2bis Busto Arsizio(VA) – aprirà le porte alle 18:30 con bar, cucina e bookshop sempre attivi e il concerto inizierà dopo le 21:30