1

Il suono della Martinella ha salutato il giuramento del sindaco Galimberti

VARESE, 6 novembre 2021- di GIANNI BERALDO-

Il tradizionale suono della campana della Martinella ha salutato il giuramento del rieletto sindaco Davide Galimberti, visibilmente emozionato nel leggere il discorso di insediamento con aperture interessanti nei confronti dei rappresentanti della minoranza «Sono ancora più emozionato di 5 anni fa, i prossimi anni a livello amministrativo saranno importantissimi non solo per Varese ma per tutto il territorio», dice Galimberti che ha apprezzato molto l’intervento del suo ex sfidante Matteo Bianchi «Avere in questo Consiglio rappresentanti politici

Francesca Brianza

di taglio nazionale così come a livello regionale (Bianchi è parlamentare della Lega, mentre la neo Consigliera comunale pure Francesca Brianza è Consigliera regionale sempre in quota Lega) è un valore aggiunto che risulterà importante per il compimento del programma che ci siamo posti e del quale ne ho già parlato con gli esponenti della minoranza incontrandoli nei giorni scorsi».

Collaborazione con tutti i componenti del Consiglio ribadito dal sindaco anche in questo passaggio «Questa amministrazione si muoverà nel segno della collaborazione e del confronto. L’auspicio è che arrivino tante proposte, tante iniziative da parte del consiglio, per valorizzare il ruolo determinante che deve avere questa assemblea. Penso ci siano le condizioni per passare alla storia anche rispetto a questo, per fa sì che il confronto dialettico finalizzato a costruire e consolidare la nostra città, passi anzitutto da qui. Ci sono oggi in questo Consiglio molte figure con esperienza politica ma mai come questa volta anche tantissimi giovani: anche questo è un dato significativo»

Punta in alto Galimberti quando evidenzia che  «Sono convinto che tutti noi entreremo nella storia della città, un cambio di rotta al quale parteciperanno pure i tanti giovani presenti in Consiglio comunale, così come importante saràa l’apporto di chi di esperienza in politica ne ha già maturata parecchia. Da tutti loto vi è da imparare, giovani e meno giovani, confronti utili e costruttivi per il futuro di questa bella città».

direttore@varese7press.it




Formazione e robot 4.0: nasce a Como la “Manufacturing Academy”,

COMO, 26 ottobre 2021 – Prenderà il via a metà novembre la “Manufacturing Academy” il nuovo progetto formativo di Comau, ComoNExT – Innovation Hub e Umana, rivolto a diplomati – anche con diploma di qualifica – e laureati inoccupati o disoccupati, con l’obiettivo di colmare la distanza tra il mondo delle imprese in cerca di competenze 4.0 e i profili professionali presenti sul mercato che non sono in grado di soddisfare quelle richieste.

L’iniziativa è  frutto di una co-progettazione di tre partner qualificati: Comau, leader mondiale nello sviluppo di sistemi e prodotti avanzati per l’automazione, oltre a mettere a disposizione la metodologia, fornirà le isole robotiche sulle quali i corsisti potranno apprendere attraverso esercitazioni pratiche; ComoNExT – Innovation Hub, oltre alle docenze, alle competenze presenti nel proprio hub e alla propria rete di imprese innovative, metterà a disposizione gli spazi di svolgimento dei corsi: aule, ma soprattutto laboratori attrezzati; Umana, agenzia per il lavoro presente in tutto il territorio nazionale, si occuperà in particolare del recruiting degli iscritti e del loro inserimento nel mondo del lavoro.

Il primo corso di “Programmatori di sistemi automatizzati 4.0” partirà il 15 novembre e terminerà il 14 gennaio: 6 moduli distribuiti in 8 settimane full time, per un totale di 240 ore (120 in aula e 120 in laboratorio) presso la sede di ComoNExT a Lomazzo (CO). A chiusura del corso ai partecipanti verrà rilasciato il Certificato Comau che attesta lo svolgimento del corso e il superamento dell’esame finale.

Info e iscrizioni: www.manufacturingacademy.it

Il primo modulo sarà focalizzato sul ruolo del Programmatore 4.0 e sulle soft skill 4.0; il secondo sull’uso e la programmazione di robot industriali. La parte successiva, declinata in tre moduli, entrerà invece nel vivo delle specific hard skill, in particolare di Programmazione Python, Fieldbus e Programmazione PLC. Infine, nel sesto e ultimo modulo gli studenti integreranno ulteriormente la parte pratica del laboratorio, per poi svolgere l’esame teorico-pratico finale.

All’interno delle aree messe a disposizione da ComoNExT, accanto al già presente Dimostratore di Fabbrica 4.0 dedicato all’automazione di un fine linea, è in fase di allestimento un ulteriore laboratorio con cinque isole didattiche e.DO, robot open-source interattivi e flessibili, progettati per stimolare l’apprendimento degli studenti. Saranno inoltre messi a disposizione: un’isola didattica con Robot Collaborativo Racer 5, quattro stazioni dimostrative (meccaniche ed elettriche) ed un esoscheletro MATE.

L’impostazione del percorso è esperienziale si fonda su una continua alternanza tra momenti teorici in aula e di applicazione pratica, con un percorso didattico innovativo che permette di stimolare la curiosità dei partecipanti, di facilitare un approccio pragmatico allo studio della tecnologia e della robotica e di sviluppare la capacità di collegare l’apprendimento disciplinare alla realtà del mondo del lavoro.  La Manufacturing Academy vuole essere, infatti, un progetto che arricchisce la formazione tecnico-scientifica e valorizza le competenze per facilitarne l’inserimento nel mondo del lavoro e per soddisfare la domanda sempre più crescente di figure altamente specializzate, in particolare quelle manifatturiere.

La Academy, in questa prima fase, è rivolta a diplomati o laureati inoccupati o disoccupati che possono iscriversi gratuitamente ai corsi. Successivamente il progetto si estenderà anche a dipendenti o professionisti che cercano percorsi di aggiornamento professionale continuo.




Tradate, inaugurata sede Cgil completamente rinnovata

TRADATE, 22 ottobre 2021-Inaugurata questa mattina la Camera del Lavoro di Tradate, al termine di un importante intervento di ristrutturazione. Al taglio del nastro davanti alla sede di via Carducci erano presenti i vertici della Cgil e i rappresentanti istituzionali.

“Stiamo vivendo un momento difficile, caratterizzato da solitudine e individualismo – ha sottolineato Stefania Filetti, Segretario Generale della Cgil di Varese -. Un momento in cui

L’interno dell

noi continuiamo a camminare in una direzione diversa, che ha un respiro collettivo, aperto al territorio, e dopo l’assalto alla sede Cgil di Roma siamo qui ad aprire una nostra sede, ancora più bella e funzionale”. Filetti ha evocato un “filo rosso” che collega l’apertura della Camera del Lavoro di Tradate a quella di Riace, avvenuta due giorni fa.

Ha preso la parola il Sindaco di Tradate, Giuseppe Bascialla, che ha sottolineato l’importante ruolo svolto dal sindacato sul territorio, “un ruolo a tutela dei lavoratori e di chi ha meno possibilità”.

Sono poi intervenuti Angelo Castiglioni, Walter Gaiani, Tullio Albizzati, in passato al vertice della Camera del Lavoro di Tradate, che hanno ripercorso  il lungo cammino della sede, frutto dell’impegno e dell’attenzione al mondo del lavoro.  “Occorre passare dalle parole ai fatti – ha concluso Alessandro Pagano, Segretario Generale Cgil Lombardia -. La Cgil è una realtà che rappresentanza del lavoro e offre servizi, ma che è anche capace di aprire un luogo dove progetti e obiettivi si possono concretizzare. Questo è un luogo dello stare insieme, è un luogo della comunità, aperto ai lavoratori e a tutto il territorio”.




VIDEO. Vittoria di Galimberti: le dichiarazioni di politici del Pd varesino

VARESE, 18 ottobre 2021-Dopo l’esito vincente delle urne in sala stampa allestita in Comune di Varese abbiamo raccolti qualche dichiarazioni di esponenti politici del Partito Democratico.




Immigrazione illegale tra Italia e Svizzera: corso di formazione per la Polizia di frontiera

LUINO, 7 ottobre 2021- La Polizia di Frontiera di Como e Luino oltre all’Amministrazione federale delle dogane (AFD), insieme alla polizia di frontiera svizzera per la lotta contro l’immigrazione illegale.
Per farlo nelle giornate del 4 e 5 ottobre è stato organizzato un ciclo di formazione congiunta per il personale delle pattuglie miste italo- svizzere.
Nella prima giornata, svoltasi nella Sala Multimediale del valico di Ponte Chiasso, sono state tenute lezioni di elementi di Codice e Penale e di Procedura Penale di entrambi  gli Stati e illustrate  le  rispettive organizzazioni a carattere    centrale,   precedute dai discorsi introduttivi sul bilancio delle attività conseguite dal marzo 2019 , del Direttore della II Zona di Polizia di Frontiera per la Lombardia e dal Capo livello regionale Dogana Sud  dell’Amministrazione Federale delle Dogane (AFD). Sono altresì intervenuti il Signor Prefetto e il Sig. Questore di Como, che hanno a loro volta espresso il proprio plauso all’evento.
Nella seconda giornata, che si è svolta presso la Caserma Militare del Monte Ceneri (Svizzera) sono stati approfonditi tutti gli aspetti pratici ed operativi con simulazioni di situazioni operative che vedranno coinvolti gli operatori di polizia.
Al termine della formazione comune agli agenti italiani e svizzeri, sono stati consegnati gli attestati di partecipazione che abilitano ad effettuare questa particolare tipologia di servizio, prevista dagli accordi italo-svizzeri sulla cooperazione di polizia e dogana entrati in vigore il 1° novembre 2016.



Varese, alla Dacia di Villa Baragiola si uniscono il Centro Geofisico Prealpino e Protezione Civile

VARESE, 25 settembre 2021-Nella Dacia, all’interno del Parco di Villa Baragiola, si realizza il grande sogno di Salvatore Furia e Giuseppe Zamberletti, cioè quello di unire nello stesso luogo il Centro Geofisico Prealpino e la Protezione Civile.
Una sinergia importante per la ricerca e la tutela del territorio, oltre a consentire la valorizzazione del parco con attività divulgativa rivolte alle scuole e ai cittadini.
In questo modo Villa Baragiola diventa un vero polo in grado di unire arte, natura, scienza e cultura, anche grazie all’intervento, con il finanziamento di 15 milioni ottenuto, per la riqualificazione della villa a cui verrà data una vocazione culturale con nuovi spazi espositivi, esperienze residenziali per artisti e la realizzazione di un orto botanico.



“Non esiste la Lega di Giorgetti, ma un gruppo di persone che ama il territorio e la propria gente”, il Ministro Giorgetti oggi a Varese

VARESE, 25 settembre 2021- di GIANNI BERALDO

<<La Lega non è la Lega di Giorgetti, d’altronde basta leggere la definizione su di un dizionario. La Lega è un gruppo di persone che ama il proprio territorio cercando di fare il bene per la propria gente. E la presenza oggi di tutti questi sindaci lo dimostra>>. Come consuetudine non arzigogola molto andando direttamente al punto il Ministro Giancarlo Giorgetti rispondendo alle domande dei giornalisti in conclusione degli Stati Generali della Lega in Lombardia, appena conclusosi alla Villa Napoleonica di Varese.

Un incontro al quale hanno partecipato tutti i sindaci leghisti della Lombardia oltre a diversi rappresentanti del Governo.

Incalzato dalle domande, sulla questione che forse qualcuno pensa di essere nella Lega per opportunità Giorgetti replica <<Non ho detto questo ma solo che la Lega è un movimento vero, fatto di persone vere. Nasce come Lega Lombarda con questi intenti come ho già ribadito altre volte. Se qualcuno pensa di entrare nella Lega pensando che sia un partito come gli altri si sbaglia.Poi c’è chi va e qui viene ma soprattutto chi sta, quindi avanti senza paura>>.

Sul fatto che Salvini anche durante il suo intervento video abbia evidenziato una volta di più come Varese per la Lega sarebbe una vittoria che vale doppio per la sua valenza storica e politica. Anche su questo il ministro dello Sviluppo Economico nicchia <<Bene, se lo dice Salvini…>>.

Sugli attacchi politici <<qui con me oggi vi è il presidente della Regione Fontana, vedete voi quanti attacchi ha subito per oltre un anno. Durante l’attacco frontale del virus e la guerra successiva per combatterlo lui si è trovato da solo, lo Stato mi pare sia arrivato un pò dopo con un trattamento per la Regione Lombardia che non mi pare sia stato giusto o equo. Ma la storia farà giustizia>>.

Poi si tocca il tasto economico, con una evidente crescita a livello nazionale, con gli industriali lombardi contenti dell’operato del governo << Spero che questa loro soddisfazione sia rivolta anche al sottoscritto (sorride, ndr). Ora finalmente gli industriali lombardi hanno un ministro proveniente dallo stesso territorio>>.

Infine una passaggio sulle prossime elezioni e probabili alte percentuali di astensionisti <<ammetto di essere in difficoltà a interpretare le prossime elezioni amministrative visto il possibile elevato numero di astensionisti. Non lo so davvero non riesco a fare una previsione. So che voi giornalisti amate i sondaggi ma in questo caso non saprei realmente fare delle previsioni. Tendenzialmente l’astensionismo penalizza il centrodestra, questo è un fatto storico>>.

direttore@varese7press.it

 

 

 




VIDEO: presentazione candidati lista ”Varese con Bianchi Sindaco”

VARESE, 10 settembre 2021-




Tombe abbandonate e non curate a Verbania: appello del Comune per attivare opere di manutenzione

VERBANIA, 12 agosto 2021-Nei giorni scorsi l’ufficio servizi cimiteriali del Comune di Verbania, con il Sindaco di Verbania Silvia Marchionini e la presenza del consigliere comunale Fausto Cavallini, ha avviato una serie di sopraluoghi mirati ad attivare un’azione di sensibilizzazione verso i concessionari dei manufatti e tombe private, e gli aventi titolo per le sepolture nei campi di inumazione, per invitarli a garantire il decoro e la pulizia delle tombe, così come previsto dal regolamento comunale di Polizia Mortuaria.
Il Comune ha altresì avviato un programma di verifica e ricerca degli eredi dei concessionari e recupero delle sepolture e tombe private in stato di abbandono, con l’invito agli stessi a provvedere alle dovute opere di manutenzione ordinaria e straordinaria, pena la decadenza della concessione.
La verifica è iniziata con i cimiteri di Trobaso e Zoverallo, sta avvenendo in questi giorni a Pallanza e a Biganzolo e proseguirà in tutti i cimiteri cittadini.
I numeri sono in generale problematici perché solo nel cimitero di Trobaso, ad esempio, si sono riscontrate 43 tombe su cui sarebbe necessario intervenire e sistemare, e per oltre venti di esse non si riesce per ora a risalire agli eredi.
Inoltre, è stato avviato il programma di diserbo a cura dell’ufficio tecnico con l’obiettivo di un maggiore decoro generale: già svolto a Cavandone, Biganzolo, Fondotoce e Unchio, in svolgimento oggi a Zoverallo e Intra, per finire con Pallanza, Suna e Trobaso.




Linea Milano-Brescia: nuove tecnologie per la gestione traffico ferroviario

BRESCIA, 27 luglio 2021-Attivato nella stazione di Brescia un nuovo Apparato Centrale Computerizzato (ACC)* per la gestione ed il controllo della circolazione ferroviaria.

Il nuovo impianto, uno dei sistemi di massimo livello tecnologico nel settore del segnalamento ferroviario, è una vera e propria “cabina di regia” che, grazie alle tecnologie di ultima generazione ed il potenziamento infrastrutturale, rendono più affidabile l’infrastruttura incrementando gli standard di regolarità del traffico ferroviario.

Oltre 35 i tecnici che hanno realizzato e messo in esercizio il nuovo apparato, uno dei più moderni impianti utilizzati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per controllare e gestire il traffico ferroviario.

I comandi saranno impartiti dagli operatori della circolazione utilizzando un’interfaccia non più di tipo elettromeccanico, bensì informatico tramite software dedicato.

L’intervento rappresenta una ulteriore fase di avanzamento del programma di potenziamento infrastrutturale in corso su tutta la rete ferroviaria nazionale.

Investimento economico complessivo per gli attrezzaggi tecnologici del nodo di Brescia  è di circa 46 milioni di euro.