“#Chiaroscuro, un reportage sulla fatica di crescere”: documentario e incontro pubblico per fare prevenzione delle dipendenze

0
741

VARESE, 22 febbraio 2021-Un documentario di forte impatto e un incontro online aperto a tutti per fare prevenzione delle dipendenze in Lombardia e tenere alta l’attenzione sul problema della diffusione delle droghe tra i ragazzi. Venerdì 26 febbraio un appuntamento da non perdere a conclusione del progetto WeFree di San Patrignano contro le dipendenze condotto grazie al sostegno della Fondazione Banca del Monte di Lombardia, da tempo attenta al tema della prevenzione, per sensibilizzare i giovani e aprire un dibattito sui rischi connessi all’uso di sostanze.

Dalle ore 20, in collaborazione con le associazioni Anglad Milano e Anglad Prealpina, sarà trasmesso online #Chiaroscuro, un reportage sulla fatica di crescere”, il nuovo strumento realizzato da San Patrignano per prevenire le dipendenze e dare continuità a WeFree anche in tempo di Covid.

Si tratta di un vero e proprio prodotto cinematografico in cui tre ragazzi che hanno svolto il percorso di recupero in comunità e oggi si sono reinseriti, CarolinaMelita e Federico, raccontano la loro storia, i loro errori, la fatica di rialzarsi e la gioia per una vita ritrovata. Compagno di viaggio l’attore Francesco Apolloni, filo conduttore fra i loro racconti.

Dopo la visione del documentario, i partecipanti potranno prendere parte all’incontro online con alcuni dei tre giovani protagonisti e con altri ragazzi di San Patrignano, che porteranno la loro testimonianza con semplicità e schiettezza, raccontando le loro storie personali, come siano arrivati alla tossicodipendenza e come abbiano ripreso in mano la propria vita in comunità. Il dibattito sarà moderato dalla giornalista Angela Iantosca.

La partecipazione alla serata è gratuita, per prenotarsi e ricevere il link scrivere a info@wefree.it

Per dare continuità alla campagna di prevenzione delle dipendenze sostenuta da Fondazione Banca del Monte di Lombardia anche durante la pandemia, le molteplici attività di WeFree iniziate in presenza e rivolte agli studenti, ai docenti e alle famiglie sono state riprogrammate in modalità a distanza. Grazie a 8 incontri online con le scuole9 format online #Chiaroscuro e 3 serate di visione del documentario e dibattito online dedicate alla comunità educante, sono stati raggiunti oltre 2mila studenti di circa 100 classi delle scuole medie e superiori, più quasi 1000 persone negli incontri aperti a cittadini, famiglie, docenti, educatori, associazioni, delle province di Milano, Monza Brianza, Como, Lecco, Brescia, Varese.

“Prima della pandemia avevamo sempre incontrato gli studenti nelle loro città, circa 50mila ogni anno – spiega Patrizia Russi, responsabile del progetto WeFree –, con format come workshop teatrali e dibattiti nelle scuole, oltre a farli venire in visita a San Patrignano. Ora, per non fermare la nostra attività di prevenzione, abbiamo trasferito sullo schermo la modalità “peer to peer” degli eventi”.

“I partecipanti agli incontri si possono ritrovare almeno in parte nei racconti dei nostri ragazzi, storie che parlano di bullismo, di rapporti familiari difficili, di fatica ad integrarsi e a farsi accettare, e saranno chiamati ad una riflessione sulle proprie scelte – aggiunge Silvia Mengoli, responsabile del progetto WeFree –. La speranza è che le loro storie possano essere uno spunto di riflessione per tutti e che da queste possa nascere un confronto costruttivo”.

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui