Intervista a Steve Wynn al debutto nell’Impossible Tour”: 30 concerti virtuali in giro per il mondo. Prima tappa al Germi di Milano

0
853
Steve Wynn con la moglie Linda

VARESE, 16 gennaio 2021-Durante il blocco del 2020, il leader della band dei Dream Syndicate Steve Wynn ha conquistato l’arte di ascoltare concerti in streaming online dal suo soggiorno.

Ma dopo aver caricato più di 30 spettacoli, principalmente tramite Facebook, lui e la sua moglie percussionista Linda Pitmon si sono stancati di filmarsi su un iPad montato su treppiede, seduti sul loro divano, spesso accanto a pile di panni sporchi, anche se fino a 5.000 persone stavano guardando.

Questa settimana, la coppia sta cambiando il gioco tramite la piattaforma online StageIt, trasmettendo in webcast il loro” Impossible Tour” di 13 spettacoli con esibizioni di un’ora messe in scena nella loro sala prove Chimp Factory nel Queens per avvicinarsi ai loro club preferiti in tutto il mondo.

Si apre virtualmente il 17 gennaio al Germi di Milano, in Italia, e chiude il 28 febbraio al Mercury Lounge di New York.

Come ti è venuta l’idea di questo Impossible Tour con fumo e specchietti?

Ogni volta che parlo di queste cose, mi sento un po ‘imbarazzato a lamentarmi del fatto che non posso andare in tour, perché le persone hanno problemi molto più grandi, e lo so. Ma è una cosa difficile quando hai passato tutta la vita a fare esattamente questo. C’è una gioia nel connettersi con le persone in tempo reale, viaggiare da un posto all’altro: solo la casualità e l’avventura dell’intera cosa. Lo faccio da 40 anni ormai, e io e Linda siamo in tour molto: spesso lei è in tour da sola, io in tour da solo poi e andiamo in tour insieme. Siamo una specie di mostri stradali.

Ma non abbiamo mai avuto uno spazio per le prove prima perché siamo sempre in tour.

Ne hai finalmente trovato uno nel tuo quartiere di New York la scorsa primavera?

Sì. Abbiamo iniziato ad affittare questo posto il 1 marzo e ci siamo trasferiti: un posto che sapeva di piscio e aceto. Abbiamo preso tutta la nostra attrezzatura, sistemato le cose e 10 giorni ma poi tutto é andato a gambe all’aria, specialmente qui nel Queens. Ovunque nel paese ma il Queens è stato colpito più duramente, immediatamente. Così all’improvviso abbiamo avuto questa stanza in cui non potevamo andare per tre mesi. Orafinalmente  possamo recarci qui a piedi visto che si trova ad un paio di miglia da casa ed è un bel rifugio per noi due. E ora ce l’utilizziamo anche per questi spettacoli: il che è fantastico. E Linda si è davvero buttata nella decorazione. E poiché non possiamo andare in locali a vedere le cose che amiamo, abbiamo appena creato qui la nostro locale preferito.

Per ogni spettacolo trasformerai la ”Fabbrica degli scimpanzé” in un luogo diverso, con canzoni specifiche e battute sul palco semplificate per ogni pubblico?

E si trasformerà in un cocktail lounge e anche in uno snack bar, tutto in uno spazio di 14 piedi per 20 piedi. Questi spettacoli saranno quasi come ospitare una festa, anche se sono in diretta dal Queens. Quindi alle cinque a New York questa domenica, saremo a Milano, per quanto ci riguarda, a suonare Germi, questo centro culturale, cocktail bar e libreria tutto in  gestito dalla più grande rock band L’Italia si chiama The Afterhours, che sono miei amici. E alle sei ci fermeremo a fare uno spuntino, e poi alle otto saremo a Cleveland, virtualmente a suonare al Beachland Ballroom. E proveremo a creare la sensazione – tra le storie che raccontiamo e forse una cover che facciamo – che siamo effettivamente in questi posti.

Hai anche un nuovo singolo, “Strummer and Jones”, registrato in uno studio delle dimensioni di una baracca in Giamaica?

Quella traccia è rimasta in circolazione per sette anni, ma ho continuato a pensare che avrei dovuto pubblicarla come lato B o qualcosa del genere. Ma ora sembrava davvero un bel momento, quindi l’ho pubblicato su Bandcamp, che è stata una manna dal cielo per i musicisti. Hanno reso facile mettere le cose in modo spontaneo, così puoi scrivere una canzone giovedì sera e metterla su venerdì mattina. Ma quando la pandemia ha colpito ho visto alcuni musicisti fermarsi e non fare nulla, mentre altri hanno registrato un sacco di cose e le hanno messe su Bandcamp. E dipingo, quindi ho fatto molti dipinti e ne ho venduti alcuni. Ma in realtà ho pubblicato quattro dischi l’anno scorso, da solista e come Dream Syndicate, e questo – più i 30 spettacoli che abbiamo suonato dal nostro appartamento – mi ha dato la sensazione di fare ancora cose.

Finora, il 2021 sta iniziando abbastanza impegnato con l’Impossible Tour.

Era solo un’idea folle. Ma cerchi di trovare cose da fare per mantenere le idee, la creatività e le nozioni stravaganti, finché non puoi effettivamente tornare sulla strada. (intervista originale pubblicata su sfexaminer.com traduzione di varese7press.it)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui