1

Ucciso Ayman al Zawahiri, una delle menti degli attacchi dell’11 settembre

VARESE, 2 agosto 2022-Nella lotta al terrorismo, gli Stati Uniti hanno registrato un nuovo traguardo. Domenica mattina all’alba, infatti, sono riusciti ad uccidere Ayman al Zawahiri, una delle menti degli attacchi dell’11 settembre, alla guida dell’organizzazione terroristica di al Qaida dal 2011, dopo l’uccisione di Osama bin Laden, di cui era il braccio destro.

Ad annunciarlo la Casa Bianca, stando alla quale l’operazione è stata messa a segno dalla CIA, con un drone entrato in azione a Kabul. Non ci sarebbero altre vittime.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente statunitense Joe Biden, che ha parlato di “un’operazione di successo” e di “giustizia fatta”. Biden che ha colto l’occasione per ricordare che Washington continuerà la sua lotta contro il terrorismo, assicurando: “Resteremo sempre vigili; non importa quanto tempo servirà; vi troveremo ovunque”.

Al Zawahiri è stato colpito sul balcone di una casa nella capitale afghana, in cui viveva con moglie, figli e nipoti. La sua presenza era già stata accertata a più riprese in città, da dove l’esercito statunitense si era ritirato in tutta fretta di fronte all’avanzata talebana nell’agosto scorso. Non usciva mai. Il progetto per ucciderlo era stato presentato al presidente il 1° luglio nella “situation room” della Casa Bianca, da dove Barack Obama aveva seguito il blitz contro bin Laden 11 anni fa. (RSI.CH)

 




Sale la tensione tra Kosovo e Serbia. Nato pronta intervenire se la situazione diventasse a rischio

VARESE, 1 agosto 2022- Nuove tensioni sono sorte tra Kosovo e Serbia e c’è chi teme uno scontro armato fra i due Paesi. I serbi non accettano le nuove misure varate da Pristina sul divieto di documenti di identità e di targhe serbi in Kosovo a partire da lunedì primo agosto.

La Nato è pronta a intervenire nel nord del Kosovo con la sua missione Kosovo Force (KFOR) qualora la sua stabilità sia “a rischio”: così una nota diffusa dall’Alleanza Atlantica

“La situazione complessiva riguardante la sicurezza nei comuni del nord del Kosovo è tesa. La missione KFOR guidata dalla Nato – si legge – sta monitorando da vicino ed è pronta a intervenire se la stabilità è a repentaglio, in base al suo mandato, derivante dalla risoluzione 1244 delle Nazioni Unite”.

Gruppi serbi “fuori legge” hanno aperto il fuoco contro la polizia kosovara al confine con la Serbia: lo ha detto il premier kosovaro, Albin Kurti, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa turca Anadolu.

“La Serbia non è mai stata in una situazione così complessa e difficile: abbiamo avuto colloqui con rappresentanti dei serbi del Kosovo e Metohija e cercheremo di mantenere la pace. Ma chiedo agli albanesi di cambiare la propria posizione e ai serbi del Kosovo di non cedere alle provocazioni”, ha detto in un discorso alla nazione, il presidente serbo Aleksandar Vucic.

Secondo l’agenzia russa Tass, che cita il quotidiano Vecherne Novosti, le forze speciali del Kosovo sono state spostate da Prisitina a nord e a Metohija, dove sono in corso le proteste dei cittadini serbi.(AGI)

 




Scoprire il Lago di Lugano con tour organizzati dalla Pro Loco di Porto Ceresio

PORTO CERESIO, 31 luglio 2022-La ProLoco di Porto Ceresio propone tre gite guidate per scoprire altrettanti rami del lago Ceresio o “di Lugano”, il nome con cui è comunemente più conosciuto l’affascinante specchio d’acqua che bagna le rive dell’alto Varesotto, del Comasco e del Canton Ticino.

La prima data è quella di sabato 3 settembre per scoprire il bacino meridionale, tra borghi, chiesette sul lago, parchi e riproduzione in miniatura di tutta la Svizzera; la seconda data sarà a dicembre per scoprire il fascino della parte centrale del lago e visitare i mercatini natalizi di Lugano; il terzo tour sarà nella primavera del 2023 per scoprire le bellezze del ramo nord orientale del Ceresio che bagna le rive comasche.

Ecco il programma del tour di sabato 3 settembre 2022, di cui si allega il volantino e la cui prenotazione deve avvenire entro il 10 agosto: ci si imbarcherà alle 10.30 dal molo di fronte alla stazione ferroviaria di Porto Ceresio su un battello della Società di Navigazione di Lugano, la prima tappa sarà Campione d’Italia, dove si approderà di fronte alla bellissima chiesetta di Santa Maria dei Ghirli dove seguirà la visita guidata; seconda tappa a Melide, dove si potrà visitare lo Swissminiatur, il museo all’aperto di miniature più grande della Svizzera dove sono presenti 129 modelli nella scala 1:25 dei più famosi edifici, monumenti e mezzi di trasporto. Sempre a Melide sarà possibile pranzare in uno dei grotti presenti o fare il pranzo al sacco nell’area pic-nic.

Si proseguirà ammirando dal lago le vette del Monte Generoso, del San Salvatore e del San Giorgio, dichiarato Patrimonio Naturale Mondiale dell’UNESCO, godendo del fascino della navigazione in un contesto naturale di straordinaria bellezza.

Si giungerà quindi alla volta di Morcote, dove la guida farà scoprire ai visitatori la storia del piccolo borgo e la bellezza del Parco Scherrer.

Il ritorno è previsto a Porto Ceresio per le 17.30, in tempo per una passeggiata sul lungolago e poter poi prendere eventualmente il treno per tornare a casa.

Il costo è di 30,40 franchi per gli adulti, 18,20 franchi dai 6 ai 24 anni, gratis per i bambini fino ai 5 anni compiuti, sarà possibile pagare in euro.

Nel volantino sono riportati anche i costi per l’ingresso facoltativo allo Swissminiatur.

La prenotazione per il tour di sabato 3 settembre deve avvenire entro il 10 agosto chiamando o mandando un messaggio al numero 3356065286.




Iraq: manifestanti pro-Sadr occupano il Parlamento

BAGHDAD (IRAN), 30 luglio 2022-I sostenitori del leader sciita iracheno Moqtada Sadr hanno divelto alcune delle barriere di cemento armato e sono riusciti a penetrare nella Zona verde di Baghdad occupando la sede del Parlamento dopo il blitz dello scorso mercoledì.

Lo riferiscono i media locali che pubblicano le immagini dei protestanti che con l’ausilio di corde abbattono alcuni blocchi della zona fortificata, che ospita sedi governative e delle diplomazie straniere.

Le forze di polizia hanno sparato lacrimogeni e usato i cannoni ad acqua per respingere la folla: i feriti sarebbero almeno 60 secondo quanto riferito dal ministero della Salute che cita i media locali.(ANSA)




La Svizzera non accoglierà nei propri ospedali soldati o civili ucraini feriti

BELLINZONA, 18 luglio 2022-La Svizzera non può accogliere soldati o civili ucraini feriti per curarli nei propri ospedali. A dirlo è il Dipartimento federale degli affari esteri, che ha respinto a fine giugno una richiesta inoltrata in maggio dalla NATO. I direttori cantonali della sanità avevano dato invece la loro disponibilità, come anticipato dal TagesAnzeiger.

Il DFAE si appoggio sulla neutralità elvetica e sulle convenzioni di Ginevra, principi secondo i quali i soldati una volta guariti non possono rientrare in patria e riprendere i combattimenti. Per Berna è quindi preferibile accrescere gli aiuti in loco e il sostegno agli ospedali ucraini. Una posizione condivisa da Paola Gaeta, professoressa di diritto internazionale proprio a Ginevra: “Le persone ferite e malate devono essere curate dai belligeranti stessi. Se c’è la necessità di trasferirli all’estero, anche uno Stato neutrale può accoglierli attraverso un accordo, ma violerebbe la propria neutralità se questi poi tornassero a combattere”, spiega l’esperta. In qualche modo “sarebbe un atto di partecipazione alle ostilità”.

Berna rifiuta di accogliere anche civili ucraini, perché “molti civili in Ucraina combattono o sono pronti a farlo“. “Certo in questa categoria ci sono anche persone vulnerabili, disabili o molto anziane, che si possono presumere civili in senso pieno”, afferma Gaeta, e forse in questo caso “si potrebbe fare un discorso diverso”.(fonte RSI.CH)




Le bellezze di Varese corrono sui tram di Milano e Torino

VARESE, 11 luglio 2022-L’impegno di Camera di Commercio per la valorizzazione di Varese e il suo territorio si arricchisce di una nuova iniziativa: dopo gli ottimi riscontri degli anni scorsi, è partita in questi giorni una campagna promozionale collegata ai tram e alla metro di Milano. Non solo, perché in questo 2022, la stessa iniziativa si propone anche sui mezzi pubblici di Torino.

Le carrozze che attraversano il centro dei due capoluoghi regionali sono nuovamente rivestite dei colori e delle immagini più spettacolari del territorio varesino, con le scritte che richiamano i progetti #varesedoyoubike, per la valorizzazione cicloturistica dei nostri percorsi, e Varese #DoYouLake, per promuovere l’attrattività collegata ai nostri laghi. Un’azione pubblicitaria sempre più necessaria per avvicinare quel pubblico di prossimità che si sta accostando alle offerte dei nostri promotori, ma anche quei turisti stranieri che sono ritornati ad apprezzare Milano e, in generale, l’area lombarda, con in particolare la nostra “terra dei laghi”.

Intanto, i numeri elaborati dall’ufficio Studi e Statistica di Camera di Commercio evidenziano la ripresa che caratterizza il settore nella prima parte di quest’anno: a livello provinciale, tra gennaio e maggio si sono registrati 605.309 pernottamenti, quasi il doppio di quelli del 2021 e in avvicinamento agli 829.224 del 2019 prepandemico. In particolare, l’area del Lago Maggiore, con 80.374 presenze registrate, ha addirittura superato quelle di tre anni fa e pure la zona del Ceresio ha praticamente recuperato il gap rispetto al periodo precedente a quello dell’allerta sanitaria. In forte crescita rispetto al 2021, anche le presenze nei comuni della zona del Lago di Varese (102.644, sempre considerando i primi cinque mesi di quest’anno) e nella stessa città capoluogo (77.487).

Resta la problematica legata all’area di Malpensa, dove sebbene i pernottamenti siano più che raddoppiati nell’arco di un anno, passando dai 108.386 del periodo gennaio-maggio 2021 ai 289.382 degli stessi cinque mesi del 2022, si è ancora lontani dai 383.445 del 2019.




‘Lasciare traccia’, raccolta di testimonianze sui lasciti solidali

VARESE, 8 luglio 2022-In questo periodo di costante emergenza, tra pandemia e guerra, le Organizzazioni del Terzo Settore hanno saputo intercettare bisogni non colmati dalle altre istituzioni, sperimentando risposte spesso innovative e in tempi molto brevi. Le domande più frequenti in questo tempo d’incertezza riguardano soprattutto il futuro; domande a cui è sempre più difficile dare una risposta.

Da questa riflessione il Comitato Testamento Solidale ha dato vita all’instant book “Lasciare traccia”, una raccolta di storie provenienti da ognuna delle 25 Organizzazioni Non Profit che compongono il Comitato, a testimoniare quanto un gesto semplice come il lascito solidale possa cambiare in meglio la vita di una persona o di una intera comunità.

Il Comitato Testamento Solidale, nato nel 2013, è stato fra gli artefici di un cambiamento che, secondo gli esperti, proseguirà ancora nei prossimi anni, assecondando e incoraggiando atti di responsabilità solidale verso la collettività attraverso una costante opera di informazione e sensibilizzazione. Se questa tendenza sia ancora in crescita o abbia conosciuto una battuta d’arresto nel corso dell’ultimo anno, lo scopriremo il 13 settembre prossimo, quando il Comitato terrà a Roma il suo annuale evento in occasione della Giornata internazionale del lascito solidale. In quella sede saranno resi noti i risultati del nuovo studio condotto sugli italiani da WaldenLab, che conterrà preziose informazioni sulle percezioni e sulla propensione alla solidarietà, anche post mortem.




Stoccolma, accoltellata a morte una politica durante un comizio: a ucciderla un seguace neonazista

STOCCOLMA, 6 luglio 2022-Una donna è stata accoltellata a morte in Svezia, in occasione di un evento politico. Lo rende noto la polizia.

  Secondo il quotidiano online The Local, la vittima aveva una sessantina di anni ed è stata colpita al petto da un uomo sulla trentina, subito bloccato da un passante di 69 anni e arrestato Secondo il giornale, l’attentatore è legato a un gruppo neonazista, il Nordic Resistance Movement. La donna, trasportata d’urgenza in ospedale, sarebbe morta poco dopo. L’episodio è avvenuto sull’isola di Gotland, nel Baltico, durante una convention nazionale di politici. A quanto scrive il giornale, l’attacco è avvenuto nel punto dove avrebbe dovuto parlare una politica centrista. (ANSA).




Scoprire la Val Veddasca con escursioni accompagnate da guide esperte

MACCAGNO, 6 luglio 2022-Gli itinerari in programma condurranno i visitatori alla scoperta delle meraviglie e dei segreti della Val Veddasca, straordinario territorio racchiuso tra le sponde del Lago Maggiore, con l’obiettivo di dare impulso alla mobilità dolce e al turismo lento, e avranno come meta finale la mostra fotografica Contest “La spiritualità della Val Veddasca”, il 22 ottobre al Punto di Incontro di Maccagno che verrà allestita con le immagini che realizzerete durante gli itinerari e che condividerete con noi.
Percorsi tra natura, architettura, arte sacra e profana, vite dei santi e rappresentazioni teatrali che ne racconteranno storie e leggende: un’occasione imperdibile per visitare borghi poco noti, assaporarne  lo spirito e la bellezza dal punto di vista storico e naturalistico, grazie a esperte guide che accompagneranno i visitatori in ognuno degli itinerari in programma.

PRIMO ITINERARIO: 9 luglio

Ritrovo sulla provinciale 5 della Val Veddasca all’altezza del borgo di Graglio. Itinerario esclusivamente a piedi.

Il primo tratto, in salita ma con poco dislivello, sfiora il borgo antico e imbocca la Via Crucis che conduce alla chiesa parrocchiale. La chiesa è dedicata ai Santi Gervasio e Protasio e stupisce per le dimensioni in relazione ai luoghi. Frutto di un raffinato progetto forse elaborato a Milano, fu ricostruita dal 1683 e ultimata nel 700. Il sagrato è aperto sulla valle Veddasca e alla vista del lago Maggiore. Dalla chiesa parrocchiale si intraprende la seconda parte dell’itinerario con discesa lungo la mulattiera per una durata di circa 10 minuti nel fitto del bosco. Al termine si incontra la seconda chiesa, dedicata a S. Giuseppe. Il luogo, che secondo la tradizione era un tempo un lazzaretto, porta ancora la curiosa denominazione di Pedenegra. La chiesa di S. Giuseppe è un severo scrigno di pietra sei/settecentesco che racchiude tra i più importanti tesori artistici dell’intera Val Veddasca. Poco sotto la chiesa scorre la provinciale da dove i visitatori possono tornare al punto di ritrovo in autonomia.

Consigliato abbigliamento comodo e acqua da bere

Con Federico Crimi, esperto di storia del territorio.



Torna il Mercatino delle contrade a Losone: in vendita formaggi, verdure e molto altro

LOSONE (Canton Ticino), 5 luglio 2022-Ogni giovedì a partire dal 7 luglio fino alla fine di agosto in Via Cesura si svolgerà il Mercatino delle contrade con formaggi, verdure e altro.

Una fila di bancarelle con prodotti locali animerà la nuova zona pedonale che ha unito le due aree verdi del parco di Via Cesura a Losone. La costruzione della nuova residenza medicalizzata del Policentro Anziani ha, infatti, fornito l’opportunità al Comune di riqualificare il quartiere e realizzare un nuovo luogo di incontro per la popolazione.

Quest’estate il Mercatino delle contrade offrirà l’occasione per vivere il centro del paese, ideale punto d’intersezione dei tre pittoreschi nuclei storici di Losone.

All’ombra degli alberi sarà possibile camminare tra le bancarelle, dove produttori locali proporranno uova, miele, frutta e verdura, formaggi e conserve, pasta fatta in casa, prodotti per il benessere e altro ancora. Nel giardino pubblico le famiglie avranno, inoltre, a disposizione un parco giochi progettato anche per bambine e bambini con disabilità.

Il Mercatino delle contrade si svolgerà settimanalmente ogni giovedì dalle 16:00 alle 20:00 a partire dal 7 luglio fino al 25 agosto.

In caso di pioggia il mercato non avrà luogo.