Saronno: piano riqualificazione area ex Fonderia Petri

0
474

SARONNO, 7 febbraio 2020-La Giunta comunale ha adottato con delibera numero 31 del 04/02/2020 il piano di riqualificazione dell’area conosciuta come ex Fonderia Petri, superficie dismessa dal lontano 1970.

Dal passaggio in Giunta dovranno trascorrere 30 giorni per eventuali osservazioni, dopodiché ci sarà la definitiva approvazione da parte dell’Amministrazione

Nel dettaglio l’area si trova nel quadrilatero compreso tra via Pola, via Bossi, via Don Guanella e via Padre Reina.

La proposta progettuale ha seguito tutto l’iter burocratico previsto dai regolamenti comunali, incluso il parere della Commissione paesaggistica e non prevede varianti. Il 30% dell’area verrà ceduto al Comune di Saronno e quella superficie verrà adibita a marciapiedi e parcheggi. Il 70% che rimarrà al privato verrà sviluppato con percentuali di residenziali (80%) e una di terziario (20%). E’ importante sottolineare che l’area ha ottenuto nel 2016 il certificato di bonifiche avvenuta.

E’ stato così possibile dare il via alla formulazione del progetto che riqualificherà quell’area collocata a pochi passi dalla stazione di Saronno Centro. “E’ un progetto importante – ha spiegato il Sindaco di Saronno, Alessandro Fagioli – che si va ad aggiungere ad altre riqualificazioni sulle quali l’Amministrazione si è concentrata in questi ultimi anni. Su tutte certamente la ex Cantoni, ma anche l’area dell’’ex Cemsa e alcune aree dismesse in via Sampietro e via Dante”.

“Il progetto adottato dalla Giunta saronnese – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica, Lucia Castelli – prevede la realizzazione di un edificio che si sviluppa in altezza, evitando in tal modo di consumare inutilmente suolo. Dall’intervento ne trarrà diretto giovamento anche la parte di città che è all’intorno: per soddisfare le esigenze del quartiere, l’attuatore realizzerà parcheggi in numero maggiore rispetto a quello esistente e riqualificherà i marciapiedi. E’ stata questa un’ulteriore occasione che la città non poteva farsi sfuggire per eliminare un luogo degradato e per trasformarlo in un piacevole e vivibile quartiere cittadino”.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui