Maltrattava genitori e fratelli minori: allontanato dalla casa familiare

0
318
GALLARATE, 19 marzo 2021-Per una famiglia tunisina regolarmente residente a Gallarate è finito un incubo che perdurava dal dicembre scorso.
 Infatti gli Agenti del Commissariato di Gallarate, nel tardo pomeriggio del 17 marzo,  hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di allontanamento dalla casa familiare emessa dal  Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Busto Arsizio, a carico di un ventenne resosi responsabile di pesanti episodi di maltrattamento in danno dei propri genitori, del proprio fratello e delle sorelline minorenni.
Il provvedimento è stato emesso a seguito di richiesta della Procura della Repubblica di Busto Arsizio, alla luce del quadro indiziario delineato dagli investigatori del Commissariato relativamente ai frequenti e gravi episodi di maltrattamento perpetrati dal giovane, comportamenti che è stato necessario interrompere emettendo la citata misura restrittiva.
Gli agenti delle Volanti gallaratesi, infatti, erano intervenuti lo scorso 25 febbraio presso il nucleo familiare dell’indagato, ove era stato segnalato che il giovane stava dando in escandescenze e che i familiari non erano in grado di contenerlo. Sul posto i poliziotti hanno accertato che quell’episodio, in seguito al quale l’appartamento era stato completamente devastato, altro non era che la punta dell’iceberg di una situazione fatta di continue richieste di denaro, minacce, lesioni, danneggiamenti ed insulti nei confronti di tutti i propri familiari, situazione che oramai aveva gettato la famiglia intera in uno stato di vera e propria prostrazione.

Gli investigatori del Commissariato, pertanto, coordinati dal magistrato titolare delle indagini, hanno esperito tutti gli accertamenti finalizzati a delineare le responsabilità del giovane: un solido impianto probatorio in base al quale il Giudice per le Indagini Preliminari ha emesso il provvedimento di allontanamento dalla casa familiare, corredandolo di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dai propri familiari e di comunicazione con gli stessi.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui